Jan 12

I miglioramenti del primo trattamento con cellule staminali per la cura della paralisi cerebrale a cui si è sottoposto un paziente turco

Yusuf Tas ha solo un anno e mezzo ed è affetto da paralisi cerebrale, una malattia che colpisce da 1,5 a più di 4 su 1000 bambini nati vivi a livello globale ed è la più comune disabilità motoria nei bambini. I principali sintomi di Yusuf erano l’incapacità di esprimersi al di fuori di pianto, spasticità o rigidità nelle mani e nel corpo e la mancanza di concentrazione. Dopo essere stato sottoposto, in agosto, ad un trattamento completo con cellule staminali per curare la paralisi cerebrale in un centro in Thailandia, egli ha avuto dei grandi miglioramenti nella cura dei sintomi e nella qualità generale della sua vita.

Jan 11

Alexandru Ritorna per la Settima Seduta di Cellule Staminali per curare la Paralisi Cerebrale

Due anni fa, nel Novembre 2014, abbiamo documentato il trattamento con cellule staminali di Alexandru per Paralisi Cerebrale (guarda il video in basso) e dopo sei mesi abbiamo ricevuto un video da parte dei suoi genitori che mostra lui mentre cammina di nuovo. Adesso, Alex e’ tornato per il suo settimo trattamento. Qui di seguito e’ una breve raccolta delle sue attivita’ di terapia fisica ed occupazionale presso la nostra struttura e un’intervista con i suoi genitori.

Aug 8

La paziente Debbie Zagone affetta da ictus si sottopone al trattamento con cellule staminali [Video]

Alla fine del 2014 Debbie Zagone è stata colpita da un ictus ischemico. Non essendo rimasti soddisfatti del trattamento convenzionale lei e suo marito hanno deciso di cercare trattamenti alternativi e così hanno scoperto la terapia con cellule staminali della Beike Biotechnology, utilizzata per il trattamento di oltre 21.000 pazienti con varie patologie croniche.

May 10

Il Maestro di Yoga Kevin Naidoo Parla dei suoi Miglioramenti alla vista dopo il Trattamento con Cellule Staminali

Kevin Naidoo, un istruttore di Yoga di Saskatoon, Canada, è da poco tornato a casa dopo essersi sottoposto al trattamento con cellule staminali offerto da Beike a Bangkok, Thailandia, per curare il Glaucoma causato dall’Atrofia del Nervo Ottico. Durante il trattamento sono state utilizzate cellule adulte in base ai protocolli offerti da Beike Biotechnology. Il padre di Kevin ha fatto numerose ricerche passando ore e notti al telefono prima di arrivare a conoscere il trattamento con cellule staminali offerto da Beike Biotechnology. Quando ha scoperto tale trattamento ne ha parlato con Kevin il quale ha deciso di provarci. Per questo c’è stata una campagna di raccolta fondi che ha portato alla diffusione della notizia e ha dato a Kevin la possibilità di condividere la sua storia e la delusione che molte altre persone, affette da malattie come il glaucoma, si trovano ad affrontare. Quando gli è stato diagnosticato il Glaucoma gli è stato detto che non vi erano terapie e che è una condizione con cui bisogna solo imparare a conviverci.

Mar 31

[Video Update] Jack Pearce ritorna per un programma intensivo con cellule staminali

Come saprai nell’estate 2015 Jack Pearce si è sottoposto alla nostra rivoluzionaria stimolazione epidurale spinale e al programma di trattamento con cellule staminali. In poche settimane egli ha riacquistato i movimenti volontari proprio come tutti gli altri pazienti che hanno utilizzato questa tecnologia innovativa. Un fattore chiave nella velocità del miglioramento, rispetto a programmi simili, è la combinazione del protocollo del programma comprensivo di trattamento, con le cellule staminali allogeniche di Beike Biotechnology e la medicina funzionale che si basa sul programma di riabilitazione, Stem Cell Plus+™. Per questo ciclo di trattamento Jack ha ricevuto un totale di 10 cordoni ombelicali allogenici derivanti da iniezioni di cellule staminali, consistenti di 6 pacchetti di cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale e 4 pacchetti di cellule staminali derivanti dal sangue del cordone ombelicale, per un totale di minimo 410 milioni di cellule staminali. Queste sono state iniezioni intravenose e lombari.